Come proteggere i nei dal sole: consigli utili

| |

La nostra pelle va sempre protetta dal sole e, ovviamente, d’estate, il livello di attenzione deve salire poiché i raggi uv agiscono sull’invecchiamento cellulare ma anche sui nei, nevi o macchie della pelle. Scopriamo, quindi, come proteggere i nei dal sole.

Perché il sole è dannoso per la pelle

I raggi ultravioletti che, durante l’esposizione al sole, penetrano nella pelle e danneggiano il suo dna. A volte i danni possono essere anche meno gravi rispetto alle aspettative ma, a lungo andare, è possibile andare incontro ad alterazioni cancerose che possono portare addirittura alla morte.

Per tutte queste ragioni è bene proteggersi dal sole con alcune regole fondamentali. Prima di tutto è bene esporsi ai raggi uv con adeguate creme solari che possono avere una schermatura variabile da 30 a 50, quindi, adatti ad ogni tipo di pelle. Bisogna evitare di esporsi al sole negli orari centrali della giornata, cioè, dalle 11 alle 16. La crema va applicata prima di uscire da casa. Nel caso in cui la pelle risulti irritata oppure “tira” è bene coprirsi con un indumento o un cappello.

La crema, ovviamente, va riapplicata periodicamente durante la giornata poiché l’acqua tende a farla scivolare dalla pelle. In ultimo questa deve essere sempre acquistata poco prima di andare in vacanza. I solari degli anni passati, infatti, potrebbero depotenziarsi con il tempo.

Nei: cosa fare

Quando siamo al mare dobbiamo proteggerci ed evitare che i nei possano trasformarsi e diventare nocivi per la nostra vita.

Dobbiamo sapere, in primo luogo, che solo il 5% dei raggi solari vengono riflessi dalla nostra pelle e, quindi, il 95% penetra nei tessuti e danneggiano la pelle. La relazione tra tumori e sole, ormai, è nota e per tale motivo è bene limitare l’esposizione ai raggi uv che, a lungo andare, possono essere complici dello sviluppo di tumori più o meno aggressivi.

Nel caso dei melanomi, invece, è bene prestare attenzione anche al fototipo, al colore della pelle, degli occhi, della storia familiare e la concentrazione di nei lungo il corpo.

Nei: come proteggersi

Chi ha dei nei, quindi, deve sapersi proteggere durante l’estate ma è bene sempre sottoporsi anche a controlli periodici che vanno a fotografare l’attuale situazione ed evitare che questi cambino forma o colore.

Al mare bisogna evitare di esporsi negli orari centrali, per cui gli orari indicati corrispondono alla mattina presto o al tardo pomeriggio, cioè, quando il sole non è troppo forte per la nostra pelle.

I solari devono essere sempre di ottima qualità e la schermatura deve essere alta. Per chi ha dei nei è bene utilizzare la protezione 50, mentre, la zona in cui vi è il neo necessita di una protezione totale. L’ideale è acquistare dei cerotti che coprono completamente la zona e non la mettono a rischio in alcun modo.

Il sole deve essere preso sempre usando la nostra intelligenza, quindi, non vanno bene bagni di sole eccessivi, inoltre, bisogna saper osservare ogni cambiamento del corpo ma anche della pelle. Quindi al primo neo imprevisto è bene recarsi con urgenza dal dermatologo. Si consiglia anche di controllare periodicamente lo stato di un neo anche se non vi sono pericoli imminenti.

Potrebbe interessarti anche Scottature solari: rimedi naturali contro queste irritazioni

Previous

Conservare i semi e i bulbi: ecco come fare

Pjanic dice addio alla Juventus: ecco il commovente messaggio- Video

Next

Lascia un commento