Vacanze post Covid-19: ecco le regioni dove bisogna registrarsi

| |

Arrivano le vacanze post Covid-19: sono quattro le regioni che all’ingresso prevedono l’obbligo di registrarsi per monitorare la situazione. Ecco come funziona e quali sono le regioni.

Vacanze post Covid-19: in quali regioni è obbligatoria la registrazione

Nessuno, anche durante la pandemia, ha voglia di rinunciare ad un momento di relax estivo, però, nell’era post Covid-19 qualcosa è cambiato. Sicuramente gli italiani che resteranno nel territorio nazionale sono molti e alcune regioni si stanno attrezzando.

La pandemia ha messo tutti a dura prova e, dopo mesi a casa, ovviamente, la voglia di uscire e divertirsi è tanta. Quest’anno si punta a restare nel territorio nazionale e almeno il 50% degli italiani non rinunceranno al mare. Ma come cambierà il soggiorno nelle regioni marittime più amate? Quali sono i territori in cui è necessario prestare attenzione ai moduli da compilare? Scopriamolo subito.

Sardegna e Sicilia

Alcune regioni hanno disposto, per quest’estate, delle regole ben precise per poter accedere al soggiorno e, quindi, al tanto meritato bagno in mare. Alcune delle regioni che hanno adottato questa filosofia sono la Sicilia e la Sardegna. Vediamo come funziona la procedura di registrazione.

Per chi vuole arrivare in Sardegna sarà necessario compilare un modulo disponibile sulla piattaforma digitale del sito della regione. Questa è utile per tracciare i turisti, quindi, sapere da dove vengono e dove intendono arrivare.

Dopo aver compilato il modulo sarà necessaria la conferma da fare cliccando su un link. A questo punto verrò richiesto di compilare un’ulteriore scheda che chiederà se vi sono stati contatti pregressi con malati di Covid, oppure, se il soggetto ha contratto, in passato, l’infezione. Infine verrà inviata una scheda di riepilogo sui comportamenti da tenere sull’isola. Chi viaggia in Sardegna dovrà portare sempre con sé la ricevuta della registrazione. Due giorni prima della fine del soggiorno verrà richiesta la compilazione di un altro modulo finalizzato alla verifica dello stato di salute.

Anche la Sicilia ha disposto un mezzo di tracciamento. L’app Sicilia SiCura serve per ricordare al turista che ogni piccolo malessere deve essere sempre comunicato al sistema sanitario regionale attraverso il numero verde 800/45787 o l’app che, ricordiamo, non è obbligatoria ma viene consigliata.

Se si manifesta un malessere la segnalazione verrà gestita dall’Unita Sanitaria di Continuità Territoriale Turistica (USCAT) e ogni caso sospetto verrà preso in carico dalle Asp territoriali. Se è necessario un ricovero questo verrà gestito negli ospedali Covid più vicini.

Puglia e Basilicata

La Puglia ha previsto un modulo di autosegnalazione, quindi, ogni turista, all’arrivo, deve compilarne uno. Anche in questo caso è necessario aprire il sito della regione e compilare il form indicando la provenienza, in quali comuni si soggiornerà durante le vacanze e chi viaggia con il titolare del modulo, se questi sono amici o familiari. Il documento dovrà essere sempre portato con sé durante la permanenza e, ovviamente, bisognerà aggiornare l’elenco dei luoghi visitati e delle persone incontrate.

Per viaggiare in Basilicata, invece, è necessario solo comunicare al medico curante lo scopo della visita, il luogo di provenienza, destinazione principale e durata del soggiorno. Ogni ingresso extraregionale prevede l’esecuzione di un tampone.

Previous

Vitamina A: una sostanza preziosa per l’organismo

Oroscopo della settimana dal 15 al 21 giugno

Next

10 commenti su “Vacanze post Covid-19: ecco le regioni dove bisogna registrarsi”

  1. Siete una vergogna tutte lequattro regioni dovreste rimanere lì per conto vostro altro che venire da voi a fare le vacanze.e poi sfruttate anche gli extra comunitari per raccogliere pomodori arance e tutto il resto li fate vivere nelle baracche e voi intascare i soldi della comunita verrete al nord per farvi curare nei nostri ospedali io vi caccerei ha pedate nel culo altro che ospitarvi.vergogna

    Rispondi
    • Se la gente sana non vuole essere infettata ha tutto il diritto di prendere le proprie dovute precauzioni

    • Luciano, uno come te non lo vorremmo neanche senza Covid.
      E a un cafone come te suggerirei di farti una vacanza altrove se non vuoi che sia tu ad essere preso a pedate nel culo. Accendi le sinapsi del cervello (se ne hai, ma ne dubito) e pensa a come avresti reagito tu se la situazione fosse stata inversa.

      P.S.: Grazie Alessandro

  2. Ma ci rendiamo conto come ci stiamo rovinando la vita?
    Ma se uno ha IMMUNI, è esentato da tutti sti vincoli?
    Vi rendete conto? Le mie figlie verranno in ferie. Ogni parente e/o amico che incontrano dovranno registrarlo?!?

    Rispondi
    • TUTTO QUESTO E’ SEMPLICEMENTE RIDICOLO E INGIUSTIFICATO, NON E’ COSI CHE SI FA PREVENZIONE, LO DIMOSTRA IL FATTO CHE SOLO QUATTRO REGIONI SU VENTI HANNO MESSO DEI PALETTI IN QUESTO SENSO;
      MA ANCHE NOI DELLA PUGLIA STESSA SIAMO COSTRETTI A FARLO………ASSURDO!!!

    • Joseph, qui in Puglia ci stiamo strappando i capelli dalla disperazione per il tuo proposito di cancellarci dalla tua personale cartina geografica e non riusciamo a rassegnarci.
      In alternativa perchè non provi una vacanza in un’amena località della Lombardia ?

Lascia un commento