Reflusso Gastroesofageo: cause e rimedi per chi ne soffre

| |

Il reflusso gastroesofageo può essere un sintomo molto fastidioso, che non va sottovalutato nemmeno al primo segnale. Nell’articolo alcuni consigli utili.

Il reflusso gastroesofageo è un disturbo che provoca nell’individuo una risalita nell’esofago del contenuto dello stomaco, provocando bruciore anche persistente e in alcuni casi acuto. Esso si presenta sia negli uomini che nelle donne, generalmente tra i trenta e i cinquant’anni. Le cause, nella maggior parte dei casi, sono dovute a scorretti stili di vita, ma vediamo nel dettaglio da cosa può essere provocato e come prevenirlo e curarlo.

Sintomi del reflusso gastroesofageo

Il sintomo più diffuso e comune del reflusso gastroesofageo è il bruciore avvertito per lo più nella parte alta dell’addome e dietro lo sterno. Questi sintomi possono essere comuni e se si presentano raramente, possono anche essere normali, ma se persistono e il dolore si fa intenso, allora è necessario consultare un medico. A volte il reflusso può causare un forte dolore toracico e il vomito. Quindi è necessario correre subito ai ripari per evitare un acuirsi dei sintomi e ulteriori complicazioni.

Cause del reflusso gastroesofageo

Le cause del reflusso gastroesofageo sono dovute ad un indebolimento della valvola situata all’estremità inferiore dell’esofago e ad una serie di fattori determinati da uno stile di vita scorretto. Obesità o sovrappeso, alimenti troppo grassi, ernia iatale, gravidanza, stress, assunzione di determinati farmaci possono essere altri fattori scatenanti.

Rimedi per il reflusso gastroesofageo

Il reflusso gastroesofageo è una malattia molto fastidiosa, ma è possibile curarla farmacologicamente se i sintomi sono particolarmente acuta, ma la si può prevenire con uno stile di vita e alimentare corretti. Bisogna evitare tutti quei cibi, ad esempio, che vanno ad irritare le mucose e ad acuirne i sintomi: alcol, caffè, tè, cioccolato, menta, agrumi e in generale cibi molto grassi. A volte non ce ne rendiamo conto, ma anche indumenti troppo stretti, come pantaloni o cinture possono acuire i sintomi del reflusso gastroesofageo.

Continua a leggere su atuttonotizie.it

Vuoi essere sempre aggiornato e ricevere le principali notizie del giorno? Iscriviti alla nostra Newsletter

FONTE IMMAGINE: Cibo foto creata da cookie_studio – it.freepik.com

Previous

Vaccini, De Luca vieta AstraZeneca e Johnson agli under 60

Bonus Vacanze: come detrarlo dalla dichiarazione dei redditi

Next

Lascia un commento