Semi da mangiare: perchè fanno bene?

| |

Ottimi alleati del nostro benessere, ricchi di fibre, acidi grassi e proteine, i semi ci aiutano a tenere sotto controllo i livelli di zucchero e di colesterolo nel sangue. Scopriamo perché è importante introdurre nella propria alimentazione i semi e quali son i loro benefici.

Croccanti e gustosi, i semi sono un alimento che non dovrebbe mai mancare nella nostra dieta, ma non tutti conoscono le proprietà e i benefici dei semi da mangiare. I semi, rappresentano indubbiamente un pieno di salute e oltretutto sono ottimi da integrare anche all’interno di una dieta ipocalorica. Scopriamo le proprietà e i benefici dei semi, da sempre parte della cucina tradizionale che oggi stanno riconquistando il posto d’onore che meritano nella nostra tavola.

Semi da mangiare: i motivi per cui non bisognerebbe escluderli a tavola

I semi oleosi sono ricchi di omega 3, fibre, vitamine e minerali, tra cui ferro e magnesio: una vera ricchezza per la nostra salute, ma solo se mangiati crudi. Infatti, i semi sono una vera miniera di fibre, di cui sono ricchi gli alimenti di origine vegetale, che non vengono digerite e aiutano il transito intestinale regolarizzando l’intestino. Le fibre, inoltre, rallentano l’assimilazione dello zucchero e lo trasformano in energia. Mangiare semi significa anche assicurarci il fabbisogno giornaliero di grassi insaturi ideali per mantenere alta la funzionalità del cervello e combattere le infiammazioni. Grazie all’ottimo contenuto di sali minerali essenziali, quali magnesio, zinco e potassio, indispensabili per il benessere ossa e denti e del buon funzionamento del cuore e molto altro. Per concludere, ricordiamo che i semi contengono anche proteine, zuccheri, antiossidanti che regolano il colesterolo e facilitano un sonno ristoratore.

Per mantenere inalterate le proprietà dei semi è assolutamente da evitare la cottura. I trattamenti ad alta temperatura infatti li privano delle vitamine, dei sali minerali e degli oli essenziali, spazzando via tutti i benefici che il loro consumo ci regala. Per garantirci una scorta di benessere quindi sì ai semi crudi per accompagnare qualsiasi piatto e soprattutto in abbinamento alle insalate per renderle croccanti e golose.

Semi da mangiare: l’imbarazzo della scelta

Tra i semi da mangiare non c’è davvero che da scegliere. Quelli commestibili sono tanti e ciascuno gode di proprietà differenti: semi di chia, semi di girasole, semi di lino, semi di zucca, semi di canapa, semi di sesamo, semi di papavero, semi di finocchio, semi di cumino, semi d’uva, semi di melograno.

In particolare, i semi di chia sono ricchissimi in calcio, di fibre vegetali, proteine, antiossidanti e regolano gli zuccheri nel sangue riducendo il rischio di malattie cardiovascolari e obesità. I semi di canapa sono molto nutrienti, altamente proteici, contengono dieci amminoacidi, grassi essenziali omega 3 e omega 6, fitosteroli (che riducono il colesterolo cattivo), pare siano d’aiuto nella prevenzione di malattie cardiache, alcuni tipi di cancro, Alzheimer e Parkinson. I semi di lino hanno un elevatissimo contenuto di omega 3, sono utili per contrastare disturbi cardiaci, ipertensione e osteoporosi.

I semi di girasole sono perfetti per chi vuole migliorare la digestione grazie al maggiore apporto di fibre vegetali: ricchi di acido folico, rame, selenio e vitamina E sono utili nel prevenire patologie cardiache e eventuali danni a livello cellulare. I semi di sesamo sono importanti fonti vegetali di calcio e ferro, oltre ad apportare magnesio, zinco e fibre vegetali, fosforo e vitamina B1: ideali in caso di artrite, osteoporosi e per combattere i sintomi della menopausa. I semi d’uva sono un autentico concentrato di antiossidanti, proteggono dalle malattie degenerative, regolano la pressione e diminuiscono i livelli di colesterolo; ricchi di collagene, sono un vero anti age naturale.

Fonte Immagine:https://www.pexels.com/it-it/foto/cibo-legno-alba-scuro-4491390/

Continua a leggere su atuttonotizie.it

Vuoi essere sempre aggiornato e ricevere le principali notizie del giorno? Iscriviti alla nostra Newsletter

Previous

Miriam Leone sposa Paolo Carullo, le nozze a Scicli

Bolletta elettrica, aumento del 40%: ecco perché

Next

Lascia un commento