Pet Therapy, tutti i benefici

| |

La Pet Therapy è considerata la terapia idonea per superare alcune malattie. Nell’articolo vi indichiamo tutti i suoi benefici.

Chi sceglie di prendere con sé un animale lo fa perché magari desidera compagnia o vuole semplicemente toglierli dalla strada, ma non si rende conto dei benefici che la presenza di un cane o di un gatto possono apportare alla persona e all’intera famiglia.

Pet Therapy

Sull’interazione positiva tra animali ed esseri umani si basa la Pet Therapy, ovvero l’impiego degli animali da compagnia per curare alcune malattie. Il termine nasce nel 1964 e fu introdotto dallo psichiatra infantile Boris M. Levinson, il quale sperimentò i benefici del contatto tra animali e bambini affetti da particolari patologie, come l’autismo, disturbi dell’apprendimento, ma anche affetti da stress infantile.

Pet Therapy e i bambini

È stato dimostrato che il contatto tra bambini e animali, non solo in ambito terapeutico ma in generale, rappresenti un punto in favore per contrastare l’insorgere di patologie respiratorie e allergiche. Inoltre, la presenza di un animale aiuta il bambino nella sua crescita emotiva, ne accresce le capacità empatiche e di socializzazione. La presenza di un animale per un bambino è anche il mezzo per imparare ad accettare e a rispettare il diverso.

Pet Therapy e gli adulti

La Pet Therapy si è dimostrata particolarmente efficace non solo per i bambini, ma è dimostrato che fa bene anche agli aduti. La “terapia con gli animali d’affezione” è largamente utilizzata per aiutare le categorie fragili, come le persone affette da disturbi psichici, per i disabili e gli anziani soli o con malattie neurodegenerative. Inoltre, un animale è un forte antidoto contro lo stress.

Come funziona

La Pet Therapy basa tutto sul forte legame affettivo che si instaura tra animale e paziente. Questo legame è “puro e incondizionato”, poiché è privo di pregiudizi e ricco di fiducia totale soprattutto da parte dell’animale, che vede nella persona un amico, una guida, una sicurezza. Tutto questo determina l’aumento dell’autostima e permette ai soggetti di uscire da una situazione di isolamento e silenzio. In tal senso la Pet Therapy e in generale la presenza di un animale aiuta in caso di depressione.

Quali animali scegliere

Gli animali che solitamente vengono scelti per la Pet Therapy sono i gatti, i cani addestrati, gli asini, i cavalli e i conigli. Per ogni animale c’è uno specifico percorso terapeutico che viene stabilito dal medico in base alle caratteristiche del paziente.

I cani e i gatti

I cani e i gatti sono tra gli animali più utilizzati per la Pet Therapy e sono anche i più presenti nelle nostre case. La loro presenza aiuta a scandire le nostre giornate, ad aumentare l’empatia, a diminuire le ansie e ad essere più produttivi. È importante anche scegliere l’animale giusto: tra i cani i migliori sono Charles Spaniel, il Terranova, il Labrador e il Golden Retriever e tra i gatti le migliori razze sono lo Sphynx, il Siamese e il Ragdoll.

Può interessarti anche: Cani e gatti: come curarli con metodi naturali

FONTE IMMAGINA: https://pixabay.com/it/photos/adorabile-animale-cane-allegro-3344414/

Previous

Varese e il suo Palazzo Estense

Serie A: il campionato riprende il 17 ottobre

Next

Un commento su “Pet Therapy, tutti i benefici”

Lascia un commento