Furto moto: ecco come procedere alla denuncia

| |

Il furto moto è purtroppo una pratica molto diffusa ultimamente e crea non pochi problemi al proprietario. Ecco come procedere nel caso in cui ti dovessi ritrovare improvvisamente senza la tua moto.

Accertare i fatti e denunciare il furto

Prima di esporre denuncia è bene cercare di risalire agli eventi cercando una ricostruzione logica e plausibile. Sicuro che si tratti di un furto? Oppure è possibile che le forze dell’ordine abbiano ordinato la rimozione forzata del motociclo perché d’intralcio o lasciato in divieto di sosta?

Una volta verificata la correttezza del parcheggio e accertato il luogo in cui avevi lasciato la moto, puoi rivolgerti alle autorità competenti per la denuncia presso l’ufficio di polizia o carabinieri più vicino al comune in cui risiedi, o al massimo al paese in cui hai subito il furto. Lo scopo, in questa fase, è l’accertazione dei fatti. Devi comunicare alle forze dell’ordine l’indirizzo esatto in cui è avvenuto il furto, la descrizione del mezzo con il numero di targa, la data e l’orario (quanto più verosimile possibile). Queste informazioni sono determinanti per il successo o meno delle ricerche. Polizia o carabinieri possono indagare attraverso l’analisi di filmati delle videocamere di controllo presenti in città, ma devono avere ben chiari gli estremi richiesti.

Informare il PRA e l’Assicurazione

Una volta che hai sporto denuncia e hai l’apposito verbale rilasciato dai carabinieri (o polizia), hai il dovere di recarti presso gli uffici del PRA, informando dell’avvenuto furto e del fatto che tu non sei più possessore della moto. Questa operazione è fondamentale, in quanto se il malvivente dovesse rendersi protagonista di qualsiasi atto o sinistro a bordo della motocicletta rubata, la responsabilità non ricadrà su di te. Dall’ufficio del PRA, in seguito alla tua dichiarazione, ti verrà rilasciato un certificato che accerterà quanto dichiarato.

Grazie a questo foglio potrai successivamente recarti agli uffici della tua compagnia assicurativa presso la quale hai stipulato il contratto di copertura per la moto rubata: dovrai consegnare sia la copia della denuncia che ti hanno rilasciato le forze dell’ordine, sia il certificato del PRA. Ricorda di portare con te anche la copia delle chiavi del mezzo rubato, che dovrai lasciare alla compagnia (la seconda chiave dovrebbe esserti stata consegnata al momento dell’acquisto. Nel caso l’avessi persa dovrai necessariamente dichiararlo e fare, se richiesto, una seconda denuncia).

La denuncia del furto all’assicurazione va inoltrata non oltre 3 giorni dall’avvenuto fatto, possibilmente tramite scritto (fax o email). Il furto va dichiarato anche se il tuo contratto di garanzia assicurativa non prevede il risarcimento per incendio e furto: questo è fondamentale poiché in tal caso la compagnia potrà adeguare l’importo negli anni successivi, ma anche perché la copertura RCA verrà valutata diversamente dato che la moto non è più in tuo possesso. Qualora il mezzo venga ritrovato, hai l’obbligo di recarti al PRA e presso la tua assicurazione per comunicare il ritrovamento.

Potrebbe interessarti anche Revisione motocicli: ecco quando bisogna farla

Previous

Diletta Leotta e Ibrahimovic, scoop di Chi: ‘E’ nato qualcosa’

Ricrescita dei peli in estate: ecco come gestirla

Next

Lascia un commento