Proteggere l’auto dalla grandine: ecco come farlo

| |

La grandine è un evento diventato ormai assai frequente, soprattutto durante l’estate. Ecco alcuni consigli su come puoi proteggere l’auto dalla grandine.

Negli ultimi anni temporali violenti e nubifragi sono diventati sempre più frequenti a causa di cambiamenti climatici e caldo torrido. Le grandinate, però, non sono soltanto un evento atmosferico ma spesso provocano grandi danni a piantagioni, edifici e persino alle auto, che possono venire danneggiate sul parabrezza o sulla carrozzeria.

Come proteggere l’auto dalla grandine

Sapere come agire in caso di una previsione avversa del meteo è importante per cercare di limitare ingenti danni all’auto e salvaguardare se stessi, soprattutto se ci si trova nel veicolo. Prima di partire e mettersi in viaggio vanno controllate le previsioni meteo come prima cosa. Per quanto riguarda la manutenzione dell’auto periodicamente è consigliabile effettuare un check-up completo dei vetri della macchina perché migliori sono le sue condizioni e più facilmente resisterà alle grandinate. Se la grandinata arriva mentre si è in movimento è necessario rallentare e osservare la distanza di sicurezza, fermandosi per una sosta appena possibile, meglio se ciò avviene in un’area al coperto ed attendere che il temporale passi. In genere una grandinata non dura più di 30 minuti.

Cosa fare se si rompe il parabrezza

La prima cosa importante, qualora si verificasse questa spiacevole condizione, è non farsi prendere dal panico. I parabrezza delle auto, infatti, sono formati da 3 strati, con all’interno quello in PVD (“polivinilbutirrale”), un materiale plastico che serve ad evitare che il parabrezza non “scoppi” in migliaia di pezzetti di vetro. Se si sono subiti danni a carrozzeria e vetri dell’auto bisogna verificare eventuali coperture assicurative presenti. La polizza che protegge dalla grandine è sotto la dicitura “eventi naturali” o “eventi atmosferici” e copre anche da danni provenienti da altre calamità come frane, terremoti o trombe d’aria. Talvolta questa assicurazione include anche la tutela dei cristalli per consentire di ricevere la riparazione o la sostituzione dei vetri senza costi aggiuntivi. Scattare qualche foto o registrare dei video è utile ai fini della perizia assicurativa.

Potrebbe interessarti anche Come rimuovere la resina dall’auto: consigli e rimedi efficaci

Previous

Linee guida scuole dell’infanzia, da settembre nuove regole

Stevia: proprietà e benefici di questo dolcificante naturale

Next

Lascia un commento