Vaccino Covid-19: 3,4 milioni di dosi per l’Italia

| |

Il commissario straordinario Domenico Arcuri ha reso note le prossime azioni del governo per la somministrazione del vaccino.

Domenico Arcuri, commissario straordinario per l’emergenza coronavirus, ha dichiarato, nell’ultima conferenza stampa, che si è già a lavoro per stilare il piano di vaccinazione. Il commissario fa riferimento al vaccino Pfizer-BioNThec, del quale sono previste subito in Italia 3,4 milioni di dosi, le quali serviranno a vaccinare 1,7 milioni di persone. Per ora non si parla di obbligatorietà del vaccino per il Covid-19, ma Arcuri auspica una quantità di vaccini crescente, così da permettere, nel corso del 2021, la somministrazione su larga scala.

Il bando per siringhe e aghi

Per garantire un’adeguata somministrazione dei vaccini, il governo deve procedere ad un maxi acquisto di strumenti, come siringhe e aghi: “Il 17 novembre il ministero della Salute – ha detto Arcuri – ci ha inviato specifiche tecniche e quantità delle siringhe e degli aghi che dovremo acquistare per rendere certa la somministrazione per il primo e altri vaccini. Confido che lunedì prossimo riusciremo a bandire la richiesta di offerta per acquistare siringhe, aghi e altri accessori indispensabili a garantire la somministrazione. Sarà un acquisto molto corposo e un po’ articolato: le tipologie di siringhe sono almeno tre e le misure degli aghi almeno sei”.

L’acquisto del vaccino

Mentre Spagna, Francia e Gran Bretagna hanno già sottoscritto accordi per l’acquisto del vaccino, l’Italia deve ancora fare il bando, che dovrebbe arrivare lunedì 23 novembre. In merito ad un eventuale ritardo sull’acquisto dei vaccini, Arcuri ha risposto: “io non so dirle se è tardi, ho la presunzione di pensare che non lo sia. In ogni caso, noi inizieremo a somministrare il vaccino tra due mesi, nella seconda parte di gennaio. Auspico che non debba accadere, sarebbe paradossale, che noi siamo in possesso del vaccino e non siamo in possesso di siringhe e aghi“.

La produzione del vaccino Pfizer

Il vaccino Pfizer-BioNTech sarà prodotto negli USA a Saint Louis (Missouri), ad Andover (Massachusetts), a Kalamazoo (Michigan) e in Belgio. Questo sito, in attesa di individuarne altri, sarà utilizzato per la fornitura europea. Pfizer e BioNTech sono in attesa della revisione normativa prevista nel quarto trimestre di quest’anno e, se l’autorizzazione sarà concessa, si partirà con “una fornitura di 50 milioni di dosi al livello mondiale entro al fine del 2020 e circa 1,3 miliardi di dosi entro la fine del 2021”.

FONTE IMMAGINE: https://pixabay.com/it/photos/siringa-kanuelle-vaccinazione-1574486/

Previous

Un’amicizia, il nuovo libro di Silvia Avallone

Fantacalcio: 5 attaccanti da schierare per l’ottava giornata di campionato

Next

Lascia un commento