Lockdown: le piattaforme per seguire corsi online gratis

| |

Ecco tutte le curiosità sui portali che offrono corsi gratuiti da seguire per non annoiarsi in quarantena.

Durante il lockdown, che purtroppo impedisce il regolare svolgimento delle attività, è facile annoiarsi in casa. Fortunatamente, però, moltissimi artisti, professori ed insegnanti stanno mettendo a disposizione le proprie conoscenze e competenze per fornire agli utenti una serie di: corsi, dirette live e webinar,

Dalla cucina alla musica, molteplici sono i campi approfonditi grazie ai MOOC (Massive Open Online Courses). Ecco, quindi, tutte le piattaforme che mettono a disposizione corsi online e gratuiti.

Coursera

Tale portale (qui il sito), con oltre 150 università partner da ogni parte del mondo, è stato fondato dalla Ivy League Stanford. Ad oggi, presenta un vasto catalogo di corsi riconosciuti a livello mondiale.

È possibile seguire le lezioni in varie lingue e sono disponibili anche i sottotitoli. Tuttavia, se si vuole ottenere anche un certificato di frequenza verificato, si dovranno pagare 49 euro circa. Validi ed interessanti sono i corsi appartenenti alla categoria tech e relativi al Machine Learning e all’apprendimento di programmi di graphic design.

EdX

EdX (qui il sito), fondata dal MIT di Boston e dal famoso college Harvard, fornisce corsi di altissimo livello, impartiti da professori di università di tutto il mondo tra cui: Berkeley, Yale, Bocconi e LUISS.

La differenza con la piattaforma precedente è che ci sono programmi disponibili anche in lingua italiana. Inoltre, è presente anche la versione mobile del sito. Molto seguiti sono i corsi di lingua e di scrittura creativa. Saranno forniti, in base all’insegnamento, una serie di esercizi integrativi, al fine di migliorare l’apprendimento.

UDEMY

La particolarità dei corsi UDEMY (qui il sito) è che sono personalizzabili. Tutti possono diventare insegnati e creare il proprio corso, basta presentare un valido argomento e una adeguata presentazione.

La piattaforma, dopo la registrazione, si collegherà ad altri siti dando vita ad una rete didattica e dinamica che offre agli ‘apprendisti’, l’opportunità di mescolare i contenuti creando un percorso formativo a proprio piacimento e in maniera libera.

FONTE IMMAGINE: https://unsplash.com/photos/mfB1B1s4sMc

Previous

Primule, i fiori che sbocciano in inverno

Sì del Senato al Dl Covid: cosa cambia

Next

Un commento su “Lockdown: le piattaforme per seguire corsi online gratis”

  1. Non tolgo merito al prof dott Burioni,ma per me il miglior virologo che abbiamo in Italia,per i suoi trascorsi, è l’emerito Prof.Dott Giulio Tarro- di cui mi pregio essere amico.Il Prof. Tarro è sempre stato una persona corretta e preparato nella sua materia e poi non scordiamoci che è stato uno dei virologo che ha collaborato intensamente alla scoperta del vaccino di Sabin per la poliomelite.

    Rispondi

Lascia un commento