Bonus affitti 2021 e Prima casa: cos’è e a chi spetta

| |

Con l’inizio del nuovo anno e data la vigente situazione economica italiana dettata dalla pandemia da Covid-19 sono diversi i bonus messi a disposizione per i cittadini italiani. Scopriamo nel dettaglio tutto ciò che riguarda il Bonus affitti 2021 e Prima casa.

Con l’ufficializzazione operativa del Decreto Ristori, il Governo ha deciso di introdurre un nuovo Bonus Affitti 2021 destinato ai locatori che affittano un immobile da adibire come Prima Casa e che concedono uno sconto sull’importo del canone in favore degli affittuari. Scopriamo nel dettaglio tutte le informazioni a riguardo di questo Bonus, chi può usufruirne e qual è la procedura per richiederlo.

Bonus affitti 2021 e Prima Casa: cos’è e a chi è destinato

Il Decreto Ristori (D.l. n. 137 del 28 ottobre 2020), è stato pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 24 dicembre 2020 e riunisce in un’unica disposizione legislativa i Decreti Ristori Bis, Ter e Quater, istituiti dal Governo per far fronte alla seconda ondata del Covid-19.

Il Bonus Affitti 2021 è una delle agevolazioni emanate, ma chi ha diritto ad usufruirne? Scopriamo quali sono i requisiti per accedere a questo bonus

Il Bonus Affitti 2021 è stato definito come una “norma sperimentale” dal suo ideatore, Daniele Pesco, Senatore della Repubblica ed esponente del Movimento 5 Stelle. Daniele Pesco ha spiegato che lo scopo di questo incentivo nasce per agevolare sia i proprietari di immobili, sia i cittadini che vivono in affitto. Secondo le ultime indiscrezioni sembrerebbe che il Governo stia già lavorando per ampliare la platea dei beneficiari. Attualmente l’agevolazione sarà concessa unicamente in favore delle città con alta densità abitativa, di conseguenza rimangono quindi esclusi, per ora, i paesi e le piccole città.

I requisiti necessari per ottenere il Bonus Affitti 2021 sono:

  • L’immobile dovrà essere situato in una zona con alta densità abitativa;
  • Il proprietario dovrà affittare il fabbricato unicamente per scopo abitativo;
  • L’immobile dovrà essere adibito a Prima Casa per l’affittuario.

Bonus Affitti 2021: come funziona?

Il Bonus Affitti 2021 concede un rimborso del 50%, fino ad un massimo di 1.200 euro annui, per il proprietario dell’immobile. Per usufruire del beneficio, il locatore dovrà applicare uno sconto sul canone mensile in favore dell’affittuario. Attualmente non è stato prestabilito un importo minimo che si dovrà rispettare, ma più alto sarà lo sconto, più elevato sarà anche l’importo di cui beneficerà poi il proprietario dell’immobile. La cifra massima che questo potrà ottenere è pari a 1.200 euro, e per arrivare a tale importo, il locatore dovrà concedere uno sconto pari a 2.400 euro per tutto l’anno. Il locatore otterrà il 50% dello sconto complessivo concesso durante i 12 mesi del 2021, e il proprietario dell’immobile sarà tenuto a comunicare la rinegoziazione del canone di locazione all’Agenzia delle Entrate, che si occuperà di gestire l’incentivo.

Il Governo ha assicurato che l’Agenzia delle Entrate divulgherà tutte le modalità e disposizioni relative all’incentivo entro e non oltre 60 giorni dalla data di approvazione della legge, per cui ci aspettiamo di saperne di più entro la metà di febbraio.

Continua a leggere su atuttonotizie.it

Vuoi essere sempre aggiornato e ricevere le principali notizie del giorno? Iscriviti alla nostra Newsletter

Fonte Immagine:https://pixabay.com/it/photos/costruzione-casa-casa-da-acquistare-4503738/

Previous

Nuove regole WhatsApp: cosa cambierà da febbraio?

Sex and the City: tutte le novità sul revival

Next

4 commenti su “Bonus affitti 2021 e Prima casa: cos’è e a chi spetta”

  1. Hanno gia’ fatto cio’ che chiedi e si evince che non sei informato. SE IN QUESTO PAESE LE COSE VANNO MALE E’ COLPA DI PERSONE COME LEI! GAETANO

    Rispondi
  2. COME SONO BRAVI QUESTI GOVERNANTI CHE FANNO DA PADRE PADRONE, FACENDO PAGARE SEMPRE AI SOLITI. MI DOMANDO PER QUALE MOTIVO QUESTI SIGNORI NON SI RIDUCONO LO STIPENDIO O MEGLIO CHE VANNO A CASA PAGANDO I DANNI CHE HANNO FATTO PORTANDO IL PAESE AL FALLIMENTO CON LE LORO REGOLE E LEGGIFERANDO IDIOZIE ,

    Rispondi
  3. SALVE, HO UN CONTRATTO CON CEDOLARE SECCA PARI A 600.00 AL MESE, PER 12 MESI MI COSTA 7.200.00 EURO L’ANNO. IL CONTRATTO E’ STATO STIPULATO NEL 2014 PER 4+ 4 ANNI E SCADE A FEBBRAIO DEL 2018. VORREI SAPERE CHE SCONTO POSSO OTTENERE SUI 600.00 EURO AL MESE E IL LOCATORE CHE PUO’ USUFRUIRE?

    Rispondi

Lascia un commento