Oscar Wilde: 6 curiosità sulla sua vita

| |

Nell’anniversario della nascita di Oscar Wilde lo ricordiamo con 6 curiosità sulla sua vita.

Oscar Wilde è probabilmente lo scrittore inglese più chiacchierato della storia. Fu al centro di uno scandalo omosessuale, per una relazione con Lord Douglas, detto “Bosie”, che gli costò la prigionia e non pochi problemi. Wilde nacque a il 16 ottobre 1854 a Dublino e morì a Parigi, dopo una vita passata sotto i “riflettori”, il 30 novembre 1900. Nel giorno dell’anniversario della sua nascita lo ricordiamo con 6 curiosità sulla sua vita.

Il nome

Tutti lo conosciamo con il nome Oscar Wilde, ma il suo nome completo era Oscar Fingal O’Flahertie Wills Wilde e fu un figlio d’arte, essendo la madre una poetessa affermata.

Gli Stati Uniti

Oscar Wilde ha viaggiato moltissimo in Europa e oltre oceano, grazie al fatto che parlava diverse lingue. Nel 1881, e per circa un anno, fu negli Stati Uniti dove fu accolto come una vera celebrità e fu invitato a tenere numerose conferenze e dibattiti.

Oscar Wilde narratore

Amava raccontare storie ai suoi amici, che inventava al momento. Ne inventava di continuo lasciando i suoi ascoltatori letteralmente incantati.

Aforismi

A lui sono attribuiti tantissimi aforismi, ma non scrisse mai un libro di aforismi. A raccoglierli in volume fu la moglie Constance Lloyd.

Il nuovo cognome degli Wilde

Dopo lo scandalo della condanna, sua moglie decise di adottare per sé e per i figli, Cyril e Vyvyan, il cognome “Holland” per proteggerli dallo scandalo.

Il romanzo

Wilde pubblicò un solo romanzo, Il Ritratto di Dorian Grey. Gli altri scritti in prosa sono tutti racconti o opere teatrali. Il De Profundis è una lunga lettera pubblicata postuma e scritta nel corso della detenzione.  

Può interessarti anche: Roma ospita le case museo di famosi scrittori e artisti

FONTE IMMAGINE: https://pixabay.com/it/photos/oscar-wild-1882-scrittore-autore-60553/

Previous

Juventus: Dybala assente in trasferta? le ultime news

Calciomercato Milan, Calhanoglu nel mirino della Juve

Next

Lascia un commento