Capelli: come proteggerli in estate

| |

Dalla temperatura ideale dell’acqua da usare per lo shampoo, alle numerose tecniche di asciugatura, passando per spazzole e cappelli: scopriamo quali sono le 5 mosse infallibili per prendersi cura dei propri capelli durante il periodo estivo, uno dei periodi di maggiore stress per i nostri capelli.

Sole, caldo, umidità e salsedine possono trasformarsi in veri e propri acerrimi nemici per il benessere dei nostri capelli che d’estate, se non ‘curati’, tendono a divenire facilmente secchi e sfibrati. Con l’arrivo della bella stagione ma, soprattutto, con l’aumento delle temperature, i rischi di ritrovarsi con una chioma spenta, secca e sfibrata possono aumentare in maniera esponenziale. Ecco allora cosa è bene sapere e come provare a difendere la nostra chioma in cinque semplici step che, eseguiti con costanza, garantiranno un vero e proprio ‘scudo di protezione’ per i nostri capelli.

Capelli: la top five per proteggerli dai ‘danni estivi’

L’estate è oramai arrivata e oltre a proteggere la nostra pelle dal sole è fondamentale anche proteggere i nostri capelli dai danni che l’umidità, le temperature calde e la salsedine potrebbero provocare. Con questi 5 step la vostra chioma sarà perfetta per tutto il periodo estivo e al termine della bela stagione non vi ritroverete con capelli secchi, sfibrati, spenti e danneggiati.

1. La maschera– Sì a una maschera nutriente. Importantissima, irrinunciabile: va applicata sulla chioma bagnata dopo lo shampoo. Agisce in profondità, ammorbidisce i capelli, li rende più docili al pettine e ne previene la rottura.

 2. L’acqua– Sempre in fase di lavaggio, è consigliato prestare attenzione alla temperatura dell’acqua: è bene che non sia troppo calda. Meglio tiepida, anche fredda, magari anche solo per l’ultimo risciacquo. I capelli bagnati, inoltre, non vanno sfregati né frizionati con l’asciugamano ma tamponati dolcemente.

3. Il phon – Attenzione anche al phon troppo caldo. Andrebbe pure evitato di stressare i capelli con pieghe elaborate, piastre e arricciacapelli. Ben venga, invece, l’asciugatura naturale all’aria aperta.

4. Spazzolare ma con delicatezza– occhio ai colpi di pettine e alle spazzolate troppo decisi. Procedere con cautela ripaga sempre: meglio partire dal basso, dalle punte, e piano piano districare tutte le lunghezze.

5.Cappelli… perché no? –  Il cappello è un validissimo alleato. Sì anche a foulard, fazzoletti e bandane: oltre a essere trendy e a dare un tocco chic, riparano e proteggono quando il sole batte forte, anche in città.

Fonte immagine: https://pixabay.com/it/photos/summerfield-donna-ragazza-tramonto-336672/

Continua a leggere su atuttonotizie.it

Vuoi essere sempre aggiornato e ricevere le principali notizie del giorno? Iscriviti alla nostra Newsletter

Previous

Euro 2020, coprifuoco slitta all’una per Turchia-Italia

Metodo Adamski, cos’è e come funziona?

Next

Lascia un commento