Fiori recisi: come farli durare più a lungo

| |

I fiori recisi sono un’ottima decorazione per la propria casa, ma tendono a seccare molto velocemente. Ecco quindi una serie di consigli utili per farli durare più a lungo.

Avere nella vostra casa dei tocchi di colore regalati da un bouquet floreale è una gioia per gli occhi, oltre che un tocco di classe. Anche gli ospiti potranno ammirare e godere di questa bellezza e fare i complimenti alla padrona di casa. Quando si riceve in regalo, oppure si acquista un mazzo di fiori recisi la prima cosa alla quale si pensa è la loro durata. Per farli rimanere belli per un buon numero di giorni senza che sfioriscano, è necessario seguire una serie di accorgimenti precisi.

Le cautele per conservare i fiori recisi

La cosa più importante quando si vuole far durare a lungo un mazzo di fiori recisi, è quella di tenere il vaso che li contiene lontano dalle fonti di calore ed anche dalla frutta, specialmente nel periodo invernale. Frutti come pere e male, infatti, quando diventano maturi, tendono ad emettere un gas incolore, l’etilene, che a sua volta accelera la maturazione dei fiori e quindi il loro appassimento. Con un effetto contagio, ogni corolla che sfiorisce a sua volta sprigiona l’etilene e per questo si deve controllare il vaso in modo costante e togliere i fiori che sono appassiti, in modo che non si sprigionino questo gas. Una prevenzione molto semplice da effettuare e certamente migliore del dover curare successivamente i fiori.

Un altro accorgimento molto importante riguarda la cura dei vasi e la loro pulizia, che deve essere effettuata usando del bicarbonato, una sostanza che tra le sue molteplici proprietà ha anche quella di eliminare completamente i batteri, impedendo così che questi si nutrano della linfa presente negli steli dei fiori, causando l’intorbidamento dell’acqua. Per avere una durata maggiore dei fiori recisi si deve passare una spugna con del bicarbonato sulle pareti interne del vaso ogni volta che si effettua il cambio dell’acqua.

Un altro accorgimento per ritardare lo sviluppo dei batteri consiste nel mettere un piccolo quantitativo di bicarbonato nell’acqua. La mattina e la sera, si possono aggiungere nell’acqua del vaso dei cubetti di ghiaccio, che con la loro bassa temperatura contribuiscono ad una più lunga durata dei fiori.

Altri consigli utili

Altri accorgimenti da mettere in atto tutti i giorni, per conservare più a lungo i fiori recisi, sono di tipo pratico come, ad esempio, eliminare la parte finale del gambo e le foglie che si trovano nella parte bassa. In questo modo si eviterà che queste possano marcire venendo a contatto con l’acqua del vaso.

Per eseguire questa operazione è bene munirsi di un coltello affilato in modo da effettuare un taglio molto preciso, che non crei danni allo stelo ed ai canali interni, che servono ai fiori per assorbire le giuste quantità di acqua. Il taglio deve essere eseguito secondo una linea obliqua in modo che la superfice di assorbimento dell’acqua sia la più grande possibile.

Previous

Recovery Plan per la ripartenza dell’Italia: le parole di Conte

Selenio, un micronutriente fondamentale nella dieta

Next

Lascia un commento