Astragalo: la millenaria pianta officinale

| |

Nota già nel 2800 a. C., la pianta di Astragalo aiuta a combattere il raffreddore e stimola il sistema immunitario.

L’Astragalo è il vegetale noto per la sua azione di aiuto e stimolo al sistema immunitario. Infatti, viene usato nei periodi di convalescenza o in presenza di infiammazioni del sistema respiratorio.

Astragalo: la pianta

L’Astragalo è una pianta officinale orientale, infatti è originaria della Cina, ma la si trova anche in Mongolia e Siberia. Questa pianta ha una storia millenaria e “regale”, perché era particolarmente curata da Shennong Bencao Jing, un imperatore cinese vissuto nel 2800 a.C., conosciuto come il “Divino Agricoltore”. L’uso di questa pianta e i suoi effetti benefici sono dunque noti già nelle antiche farmacopee cinesi, risultando una delle piante officinali ancora in uso più antiche al mondo.

Astragalo: a cosa serve

I principi attivi della pianta vengono estratti dalle radici essiccate. Non hanno odore, ma si caratterizzano per il sapore dolciastro. Il suo uso è indicato per diverse patologie. Per iniziare, possiamo dire che è un ottimo antiossidante e un perfetto tonico. Migliora, infatti, la forza e stimola la risposta immunitaria, favorendo la difesa da batteri e virus. Ottima per combattere il raffreddore nei mesi invernali, aiuta anche le ghiandole surrenali, che si attivano per contrastare lo stress. Alcuni studi scientifici hanno dimostrato che l’Astragalo è utile per contrastare alcune epatiti virali.

Astragalo: assunzione

L’Astragalo si trova quasi esclusivamente in capsule. Non va somministrato ai bambini al di sotto dei 12 anni, mentre per gli adulti va assunto, per dosi e quantità, dietro indicazione di esperti, perché se è vero che non porta particolari controindicazioni, esso è pericoloso per chi soffre di malattie autoimmuni, in gravidanza o durante l’allattamento. Bisogna, inoltre, stare attenti quando si acquista autonomamente l’Astragalo. È importante accertarsi che sia l’Astragalus membranaceus, poiché altre specie di Astragalo sono tossiche per l’uomo.

Può interessarti anche: Olio 31: utilizzo, benefici e controindicazioni

FONTE IMMAGINE: https://pixabay.com/it/photos/l-astragalo-fiore-rosa-bianco-5243367/

Previous

Francesco Totti: il 19 ottobre esce il docufilm sulla sua vita

Tendenze moda 2020: i jeans slouchy conquistano tutte

Next

2 commenti su “Astragalo: la millenaria pianta officinale”

Lascia un commento