Giacinto, il fiore per chi non ha il pollice verde

| |

Il giacinto è uno dei fiori più facili da coltivare. Non richiede grandi attenzioni e si adatta perfettamente sia all’ambiente esterno, che all’appartamento.

Se siete amanti dei fiori, ma non rientrate nella categoria delle persone con il “pollice verde”, non disperate, perché esiste un fiore, facile da coltivare e perfetto sia per l’esterno che per gli interni. Stiamo parlando del giacinto.

Il giacinto

Il giacinto è una pianta bulbosa facile da reperire e ancor più facile da coltivare. Si adatta bene all’ambiente esterno, quindi giardini e terrazzi, ma cresce con facilità anche in appartamento. È una pianta molto resistente e cresce sia che si trovi in penombra, che esposta alla luce diretta del sole. Tra le diverse varietà di giacinti il più diffuso è l’Hyacinthus Orientalis, il quale ha una varietà di colori, che vanno da rosso, al bianco, al rosa, all’arancio, al lilla. I fiori dei giacinti si presentano con una forma tubolare e sono pieni di piccoli gigli, i quali emanano un profumo gradevole e davvero molto intenso.

Terreno e irrigazione

Il bulbo del giacinto non richiede un terriccio particolare, soprattutto se esso viene piantato in giardino. Se, invece, lo avete in vaso, assicuratevi che il terreno sia drenante, in modo da evitare i ristagni che possono far marcire i bulbi. Il giacinto è una pianta perenne, ma può verificarsi che dopo qualche anno, non dia più i fiori. Per questo motivo, potreste procedere ad un rinnovo dei bulbi.

Per quanto riguarda l’irrigazione, è consigliato procedere con regolarità ogni due o tre giorni, oppure giornalmente, somministrando solo pochissima acqua per volta a seconda di come si presenta la stagione. È importante, soprattutto se si hanno i bulbi in vaso, di evitare di far bagnare la parte che esce dal terreno (in vaso si interra per tre quarti), per non farli marcire. Bisogna continuare ad innaffiare i bulbi anche quanto il fiore si sta appassendo e le foglie ingialliscono. Una volta appassiti fiori e foglie, i bulbi possono essere dissotterrati, puliti e messi da parte in un luogo buio e areato.

Concimazione, parassiti e potatura

Per la concimazione del giacinto, che fiorisce sia in inverno che in primavera, si usano fertilizzanti a lenta cessione, che oltre a nutrirli, fanno crescere la dimensione dei bulbi. I giacinti che hanno la fioritura in primavera, possono essere attaccati da parassiti e malattie. Uno dei parassiti più comuni in primavera è l’afide verde, mentre i giacinti con fioritura invernale sono attaccati dalla mosca dei bulbi o da larve che si annidano all’interno del bulbo. È importante, quindi, controllare la superficie del bulbo e delle foglie ed eventualmente procedere alla pulizia manuale o con appositi prodotti. Altra minaccia per i bulbi in vaso è rappresentata da alcuni funghi, che possono colpire il giacinto per il notevole ristagno dell’acqua. La potatura non richiede grandi tecniche, basta recidere il fiore una volta sfiorito.

FONTE IMMAGINE:https://pixabay.com/it/photos/giacinto-fiore-fioritura-primavera-2202861/

Previous

Covid-19: forme, cure e riabilitazione. Cosa c’è da sapere

Fabrizio Corona finisce in lacrime: Non voglio tornare in carcere

Next

Lascia un commento